Home |  Portale del Cittadino |  PrivacyCome fare per  | Vai ai Contenuti

Elettori residenti all'estero

Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro indirizzo di residenza. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’Ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato l’Ufficio consolare competente circa il proprio indirizzo di residenza. 

Chi invece, essendo iscritto nell’AIRE, intende votare in Italia, dovrà far pervenire all’Ufficio consolare competente per residenza (Ambasciata o Consolato) un'apposita dichiarazione su carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero, l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione.
La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità dello stesso e può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano all’Ufficio consolare anche tramite persona diversa dall’interessato, entro l'8 gennaio 2018, con possibilità di revoca entro lo stesso termine. In allegato fac-simile di detta dichiarazione.


» Politiche 2018: Modulo opzione voti in Italia 


Elettori temporaneamente all’estero (non AIRE): esercizio del voto per corrispondenza

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni politiche, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero. 
La legge prevede che l’opzione per il voto per corrispondenza pervenga direttamente al comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di svolgimento della consultazione elettorale, per cui i cittadini che invieranno i modelli entro il 31 gennaio 2018   verranno inseriti nel Portale ministeriale che consentirà l'inoltro presso l'indirizzo specificato nel modello del plico per il voto per corrispondenza.

I modelli possono essere inviati ai seguenti indirizzi:

PEC : comune.portomaggiore@legalmail.it

Mail: elettorale@comune.portomaggiore.fe.it

Fax: 0039 0532 323331


» Modello opzione di voto temporanei all'estero 

 

Casi in cui non è possibile votare all'estero

Non possono votare per corrispondenza i cittadini residenti in paesi dove non si è giunti a intese che garantiscono le regolarità del voto.
In questi casi, l’elettore ha diritto al rimborso del 75% delle spese di viaggio sostenute per il rientro in Italia.
Per richiedere il rimborso: presentare domanda al proprio Ufficio Consolare, corredata del certificato elettorale e del biglietto di viaggio.

Ultimo aggiornamento: 15/01/2018, 15:08:20