Descrizione

L'autentica di firma è l'attestazione, da parte di un pubblico ufficiale, che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza, previo accertamento dell'identità della persona che sottoscrive.

Ai sensi dell'art. 21 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, il pubblico funzionario è competente ad autenticare:
  • dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà concernenti fatti, stati e qualità personali di cui il dichiarante sia a diretta conoscenza riguardanti se stesso o altre persone, non autocertificabili, da presentare a soggetti privati (es. banche, assicurazioni, etc.);
  • istanze da presentare a soggetti privati;
  • deleghe per la riscossione di benefici economici (pensioni, contributi, ecc.) da parte di terze persone;
  • quietanze liberatorie.
  • alienazione di beni mobili registrati;
  • atti del pocedimento elettorale (accettazione alla candidatura, nomina rapprsentanti di lista, ecc.).

Le competenze del funzionario incaricato dal Sindaco in materia di autentica di firma sono “eccezionali”, limitate alle sole previsioni di legge, ovvero derivanti da norme che gli attribuiscono precise e specifiche facoltà. Il testo del documento deve rimanere nell'ambito previsto dalla normativa e non può contenere dichiarazioni aventi valore negoziale (es. manifestazioni di intenti, accettazioni di volontà, rinunce, contratti, scritture private ecc. ) e tanto meno concretizzare una procura.

La sottoscrizione di istanze da produrre agli organi della pubblica amministrazione o ai gestori o esercenti di pubblici servizi non è soggetta ad autenticazione ove la firma sia apposta in presenza del dipendente addetto. Se l'istanza viene presentata a mezzo terze persone o spedita tramite posta, occorre allegarvi la fotocopia di un documento di identità valido del sottoscrittore.

Per i minori la firma deve essere apposta da chi esercita la potestà o dal tutore; per gli interdetti dal tutore.
Nel caso in cui le dichiarazioni sostitutive siano presentate da cittadini della Comunità Europea, si applicano le stesse modalità previste per i cittadini italiani. Secondo quanto previsto dal D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, art. 3, i cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. 46 e 47 limitatamente ai casi in cui si tratti di comprovare stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte dei soggetti pubblici italiani.

Costi a carico dell'utente

L'autenticazione della firma è in via generale soggetta all'imposta di bollo, marca da bollo di € 16,00 ai diritti di segreteria di € 0,52.
E' prevista l'esenzione dall'imposta di bollo per alcuni usi espressamente indicati dalla legge; in tal caso l'interessato deve indicare esplicitamente il tipo di utilizzo. Nell'ipotesi di esenzione dall'imposta di bollo è dovuta la corresponsione dei diritti di segreteria nella misura di € 0,26.
Anagrafica dell'Ente
Comune di Portomaggiore
P.zza Umberto I, n. 5
44015 Portomaggiore (Fe)
Tel. 0532 323011 - Fax 0532 323312
C.F. 00292080389 | Partita I.V.A. 00292080389
e-mail: urp@comune.portomaggiore.fe.it
PEC: comune.portomaggiore@legalmail.it
Conto di Tesoreria Comunale
Monte dei Paschi di Siena S.p.A., Filiale di Portomaggiore
Iban: IT 37 B 01030 67320 000001256319
Fatturazione elettronica nome ufficio:
Uff_eFatturaPA - codice univoco: UFJE6L

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Portomaggiore

Pubblicato nell'ottobre del 2016
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata